. NEWS DETAIL
GLI IMPIANTI SI OSTEOINTEGRANO IN RITARDO NEI FUMATORI
Si conosce ormai da tempo la sofferenza tessutale dentale dei tabagisti, dove la scarsa ossigenazione dei capillari gengivali ( sopra le 8 sigarette al giorno!) porta a dei problemi soprattutto se associata con la malattia parodontale, sui denti appunto. Oggi si conoscono anche i problemi che si riverberano sugli impianti, dove abbiamo l'osteointegrazione il processo biologico dove l'impianto e l'osso diventano un tutt'uno dopo un periodo biologico definito appunto di OSTEOINTEGRAZIONE. Uno studio cinese ha messo a confronto la stabilità degli impianti con la risposta dei tessuti perimplantari in alcuni soggetti fumatori forti e non fumatori e ha scoperto che il fumo non ha influenzato il successo complessivo della chirurgia implantare, così come tutti gli impianti hanno ottenuto un'osteointegrazione senza complicazioni, almeno fino alla fine della 12a settimana dopo il posizionamento. Tuttavia, il fumo ha fatto sì che il tessuto osseo intorno agli impianti guarisse più lentamente.

Si è perciò visto che gli impianti hanno cominciato il processo di osteointegrazione molto più tardi rispetto a quanto accaduto al gruppo di non fumatori.


La ricerca ha dimostrato che il fumo può condizionare negativamente l'integrazione tra impianto e osso. Al fine di migliorare i risultati del trattamento ed evitare il fallimento dell'impianto, i chirurghi devono avere ben chiaro come certe abitudini dei pazienti - come il fumo - influenzeranno l'intero processo di guarigione.

Nel corso della ricerca, 45 impianti ITI (Straumann) sono stati inseriti nelle mandibole posteriori parzialmente edentule di 32 pazienti di sesso maschile, di cui 16 erano fumatori forti e 16 non fumatori. La stabilità dell'impianto e la risposta dei tessuti perimplantari sono state valutate a 3, 4, 6, 8 e 12 settimane dall'operazione.

Anche se gli impianti di entrambi i gruppi hanno raggiunto l'osteointegrazione entro la fine della dodicesima settimana, il processo di guarigione differiva significativamente tra i non fumatori e i fumatori pesanti. Nei non fumatori, la stabilità era migliore e gli impianti si sono integrati meglio nel tessuto osseo già dopo la seconda settimana. Nel gruppo dei fumatori, invece, gli impianti hanno cominciato dopo l'osteointegrazione e sono diventati più stabili solo dopo la terza settimana.

Nonostante si siano riscontrati risultati positivi a breve termine in entrambi i gruppi, i fumatori hanno dimostrato più problematiche, tra cui una maggiore perdita ossea attorno agli impianti e tasche parodontali dei tessuti molli più profonde. Tuttavia, il fumo non ha avuto alcun effetto significativo sulla formazione di placca o sul sanguinamento del solco gengivale nel gruppo di studio.

Alla luce dei risultati ottenuti, i ricercatori hanno suggerito che per i chirurghi potrebbe essere necessario modificare il proprio programma di carico dell'impianto standard per quei pazienti che fumano pesantemente. Inoltre, i fumatori devono essere consapevoli che questa loro abitudine favorisce una perdita di osso marginale e l'ulteriore aumento delle tasche dentali, e potrebbe quindi portare a complicazioni anche dopo l'osteointegrazione - hanno concluso i ricercatori.

Lo studio, intitolato "Effect of heavy smoking on dental implants placed in male patients posterior mandibles: A prospective clinical study", è stato condotto dai ricercatori del First Affiliated Hospital dell'Università di Xi'an Jiaotong in Cina. I risultati sono stati pubblicati sul numero di dicembre 2016 del Journal of Oral Implantology

tags:   ALL, fumatori
.share articolo            e.mail
Si conosce ormai da tempo la sofferenza tessutale dentale dei tabagisti, dove la scarsa ossigenazione dei capillari gengivali ( sopra le 8 sigarette al giorno!) porta a dei problemi soprattutto se associata con la malattia parodontale, sui denti appunto. Oggi si conoscono anche i problemi che si riverberano sugli impianti, dove abbiamo l'osteointegrazione il processo biologico dove l'impianto e l'osso diventano un tutt'uno dopo un periodo biologico definito appunto di OSTEOINTEGRAZIONE. ...
tags:   ALL, fumatori
RIGENERAZIONE OSSEA GUIDATA CON MIGLIORAMENTO DELLA MINERALIZZAZIONE PER IMPIANTI IN OSSO RIGENERATO MEDIANTE G.B.R.

Prof. Vincenzo Brandolini, ordinario chimica degli alimenti Università di Ferrara
Dott. Saverio Carlo Mascellani, libero professionista, Ferrara ...
È possibile effettuare le cure e i trattamenti del Dott. Saverio Mascellani
mediante tasso ZERO FINDOMESTIC (massimo 48 mesi)

more info SIG.ra Lucia Bondanelli ...
Nelle lavorazioni protesiche senza metalli, il Dott.Saverio Mascellani utilizza da diversi anni, non solo la Zirconia monolitica o La Zirconia Ceramica, ma anche materiali altamente resistenti come il Di-silicato di Litio (IPS e.max ) o Silicato Litio (Celtra-Dentsply).
Utilizza anche polimeri altamente tecnologici rinforzati in ceramica (maggiori dell'80%) con una matrice altamente reticolata per avere soluzioni estetiche adesive con un ottimo rapporto qualità-prezzo, particolarmente utili in questo periodo storico, dove la crisi economica ha creato grandi sofferenze. ...
Le nuove tecnologie per la produzione industriale, che utilizzano le più avanzate metodiche di procedimenti digitali ogni giorno di più stanno conquistando tutti i settori della moderna odontoiatria. Le tecnologie CAD/CAM, particolarmente sviluppate nel campo dell'aeronautica e dell'industria automobilistica, hanno oggigiorno diversi campi di applicazione, dalla realizzazione di utensili per la casa fino a vari utilizzi in campo medico e dentale. Il principio basilare che ha ispirato questa nuova filosofia è stata la facilità del design dell'oggetto e la riduzione del tempo di produzione (ed indirettamente la riduzione dei costi) e la diminuzione, nella fase di lavoro, delle maggiori variabili dipendenti dall'operatore. ...
Ita.
Eng.
Facebook
Linkedin
Studio Odontoiatrico Dott. Saverio Mascellani
Via Aldighieri, 7 - 44121 - Ferrara
Telefono +39 0532 209 035
Fax +39 0532 209 071
Email studio[at]saveriomascellani.com
follow us on FACEBOOK - LINKEDIN
website made in Aspirine.co.uk